In che mese si pianta la scarola?

Normalmente questa pratica si può eseguire in 3 momenti dell’anno diversi: Prima semina: da metà febbraio alla fine di marzo in letto caldo; Seconda semina: da maggio a giugno in semenzaio; Terza semina: da luglio ad agosto in semenzaio.

Come raccogliere indivia riccia?

Come fare. Per indivia riccia e scarola (Cichorium endivia) circa una decina di giorni prima della raccolta e quindi più o meno due mesi dopo il trapianto, è necessario prendere un filo di raffia e legare in posizione mediana l’intero cespo in modo che i raggi solari non colpiscano l’interno della pianta.

Quando legare l’insalata?

Per indivia riccia e scarola (Cichorium endivia) circa una decina di giorni prima della raccolta e quindi più o meno due mesi dopo il trapianto, è necessario prendere un filo di raffia e legare in posizione mediana l’intero cespo in modo che i raggi solari non colpiscano l’interno della pianta.

Quanto piantare la scarola?

  • Prima semina: da metà febbraio alla fine di marzo in letto caldo;
  • Seconda semina: da maggio a giugno in semenzaio;
  • Terza semina: da luglio ad agosto in semenzaio.

Quando cresce la scarola?

La scarola in pieno campo si coltiva nei seguenti periodi: Fine inverno per le raccolte primaverile. Luglio–agosto per le raccolte autunnali. Settembre–ottobre per le raccolte invernali.

Come si coltiva la scarola?

Per coltivare la scarola bisogna ovviamente partire dalla semina. Questa viene normalmente effettuata in semenzaio, cioè in una piccola aiuola isolata appronta per questo scopo, all’interno di un contenitore con del terriccio. Si cavano dei solchetti profondi 4-5 mm e distanti tra loro 10-12 cm.

Come concimare scarola?

La scarola liscia predilige un terreno ben lavorato, sciolto e fresco, ricco di sostanza organica. Nell’orto domestico la concimazione può avvenire utilizzando letame maturo, un mese prima del previsto trapianto, oppure utilizzando in pre-trapianto il risultato del compost domestico.

Come trapiantare la scarola?

Scava delle buchette profonde 8-10 cm e inseriscici le piantine con tutto il pane di terra. Ricorda anche di annaffiare subito dopo il trapianto: questo aiuterà le radici ad attecchire al terreno. Durante la coltivazione, la scarola non richiede particolari cure.

Come piantare l indivia?

Come per ogni specie da orto, anche per coltivare indivia scarola bisogna prima di tutto preparare il terreno, lavorandolo in profondità con la vanga o meglio ancora col forcone che non sovverte gli strati di suolo, poi bisogna affinare con la zappa e infine usare il rastrello per pareggiare tutta la superficie.