Come piantare aglio e scalogno?

Come e quando piantare lo scalogno?

In genere lo scalogno si pianta tra febbraio e marzo, dopo una bella vangatura, mettendo i bulbi verso l’alto e tenendo le piante a 30 cm di distanza l’una dall’altra.

Come si piantano i bulbi di scalogno?

La messa a dimora va effettuata su righe distanziate tra loro di circa 30 cm, mentre sulla fila è opportuno sistemare un bulbo ogni 15 cm. Irrigate nel caso di prolungati periodi di siccità ed eliminate le erbacce a mano per evitare di danneggiare le radici superficiali della pianta.

Cosa piantare vicino allo scalogno?

La pianta più simile allo scalogno è certamente l’aglio, può essere utile leggere anche la guida completa alla coltivazione biologica dell’aglio.

Quando piantare i bulbi di scalogno?

La coltivazione dello scalogno comincia con la messa a terra dei bulbi, da effettuarsi tra febbraio e marzo in Nord Italia, e prima dell’inverno nelle zone a clima più mite.

Come coltivare lo scalogno in vaso?

Potete utilizzare sia vasi rotondi che vasi rettangolari per coltivare lo scalogno, ma tenete conto che per favorire la crescita della pianta non dovrete piantare troppi bulbi in un solo vaso. Regolatevi a seconda delle dimensioni e cercate di lasciare almeno 10 centimetri tra una piantina e l’altra.

Dove piantare scalogno?

Essendo una pianta molto rustica, lo scalogno si può coltivare a qualsiasi latitudine, dalla pianura fino alla montagna. L’importante è scegliere una porzione del terreno esposta bene al sole. Il periodo migliore per iniziare la coltivazione dello scalogno è quello autunnale, nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

In che periodo si raccoglie lo scalogno?

La raccolta comincia circa 4 mesi dopo la semina, in linea di massima tra fine giugno e inizio luglio, quando le foglie della pianta iniziano a ingiallire: recuperate dal terreno i bulbi estirpando la pianta con una forca.

Quando si deve raccogliere lo scalogno?

Quando i bulbi di scalogno raggiungono la giusta maturazione in terra si estraggono e fanno seccare. Il momento di raccolta è analogo a quello dell’aglio: si riconosce osservando che le foglie della pianta cominciano a ingiallire, in genere il periodo è giugno o luglio.

Come si coltiva lo scalogno?

Lo scalogno si coltiva partendo dall’interramento dei bulbi. Il singolo bulbo deve essere interrato a una profondità di circa 10 cm, mantenendo una distanza di 20 tra l’uno e l’altro. Tra le fila, invece, la distanza deve essere di 30-40 cm.