Quanto cresce il kumquat?

L’albero di kumquat è a crescita lenta, cespuglioso, compatto ed alto da 2 a 4 metri. I suoi rami sono di colore verde chiaro e angolari, da giovani presentano (non sempre) alcune spine.

Quando si pianta il kumquat?

Per il kumquat è ottimo scegliere una posizione ben assolata, il periodo migliore per piantarlo è la primavera, possiamo eseguire la messa a dimora di questo agrume una volta terminato il rischio di ritorni di freddo.

Quando fa i frutti il kumquat?

La fioritura del Mandarino cinese avviene in estate quando compaiono fiori singoli o riuniti in piccole infiorescenze di colore bianco e molto profumati. Da novembre in poi si possono invece raccogliere i frutti.

Come si riproduce il kumquat?

Il kumquat può essere riprodotto tramite seme (anche se non sempre i risultati sono soddisfacenti), per talea o per innesto. Quest’ultima opzione è quella più raccomandabile visto che si possono scegliere portainnesti più resistenti alle patologie radicali e lo sviluppo generale risulta comunque più veloce.

Come salvare il kumquat?

Le consiglierei di tenerla più all’aria possibile, poi le dia acqua abbondante quando vede che il terriccio è ben asciutto, ma stia attenta di non lasciare acqua sotto il vaso, il ristagno è letale. Per la concimazione non la faccia fino almeno a marzo/aprile, tanto adesso la pianta consuma poco.

Come e quando potare il kumquat?

La potatura va eseguita ogni anno orientativamente nel mese di maggio, con oscillazione del periodo tra aprile ed agosto in funzione della latitudine dove viene coltivato. Si anticipa ad aprile nei climi caldi e si posticipa ad agosto nei climi più freddi.