Che pianta è il cerfoglio?

Il cerfoglio, Anthriscus cerefolium, è una pianta aromatica della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere) diffusa allo stato selvatico lungo i bordi delle strade di campagna, nei campi incolti e lunghi i sentieri di montagna.

Come si coltiva il cerfoglio?

  • Scegliere una esposizione a mezz’ombra;
  • Concimare il terreno;
  • Assicurarsi che il terreno sia di medio impasto, soffice e profondo;
  • In campo aperto seminare a spaglio (aspettare la primavera);
  • Diradare i germogli (sesto d’impianto 30 per 50 cm);
  • Mantenere sempre il terreno umido;

Dove si usa il cerfoglio?

Il cerfoglio dovrebbe essere utilizzato crudo in quanto la cottura potrebbe far evaporare il suo delicato sapore. Il suo utilizzo è ottimo a piatti delicati come il pollame, il vitello e i piatti di pesce ma è perfetto anche con le uova, gli stufati e le zuppe.

Dove posso trovare il cerfoglio?

Il cerfoglio cresce spontaneo in tutta Europa, nel Caucaso e sulle montagne dell’Asia occidentale. Nelle varietà selvatiche, ormai si trova comunente nelle zone del mediterraneo e nei nostri boschi.

A cosa serve il cerfoglio in cucina?

È ideale per zuppe, minestre, sughi di pesce, insalate di uova, piatti di pollame, carni bianche, coniglio.

Dove si mette il cerfoglio?

Preferisce la penombra, quindi, se lo piantate in giardino o nell’orto, una buona soluzione è quello di metterlo sotto l’ombra di un albero. Proteggetelo soprattutto dal calore e dalle alte temperature estive.

Che sapore ha il cerfoglio?

Il cerfoglio (Anthriscus cerefolium) è una pianta annuale che cresce spontaneamente nei boschi e nei prati. Appartiene alla famiglia delle Umbrellifere ed è molto simile al prezzemolo. Il suo gusto è delicato ricorda un misto di anice e di basilico.