Come propagare la borragine?

La pianta può essere propagata per seme a partire dalla raccolta di piante spontanee. I semi necessari alla semina dell’anno successivo vanno raccolti quando la pianta è in piena fioritura e, dopo la raccolta, si conservano in un luogo asciutto fino al momento della semina.

Come sono i semi di borragine?

La raccolta dei semi di borragine è piuttosto facile poiché, a differenza di molti altri semi, i semi di borragine sono abbastanza grandi. Sembrano piccoli baccelli duri con i lati scanalati e un cappuccio sulla parte superiore.

Come ottenere i semi di borragine?

La raccolta delle foglie di borragine si effettua manualmente in estate o dopo 2 mesi dalla semina. I semi si raccolgono quando la pianta è in piena fioritura e, dopo la raccolta, si conservano in un luogo asciutto fino al momento della semina.

Quando si trova il seme di borragine?

In natura, la pianta cresce in tutte le regioni italiane, fino a 1.000 m s.l.m. È meno frequente nelle zone fredde e umide del Nord. La fioritura avviene di solito in primavera, per cui il seme maturo si raccoglie dalle piante in piena estate.

Dove si trovano i semi di borragine?

Dove trovare i semi di borragine? I semi di borragine si possono trovare innanzitutto sulle piante spontanee (o coltivate) giunte a piena maturazione. In natura, la pianta cresce in tutte le regioni italiane, fino a 1.000 m s.l.m. È meno frequente nelle zone fredde e umide del Nord.

Come e quando piantare la borragine?

La Borragine può essere seminata all’aperto da aprile a giugno e da settembre a novembre. Possiamo anticipare i tempi seminandola a marzo in un semenzaio protetto, per poi trapiantare in aprile le piantine già sviluppate. Mantenete una distanza di 40 cm tra una pianta e l’altra e inserite i semi a 1 cm di profondità.

Dove si può trovare la borragine?

La borragine è una pianta originaria dell’Oriente, ma attualmente diffusa soprattutto in Europa e in America Centrale. Nel nostro Paese la ritroviamo in tutte le regioni, ad altitudini non superiori ai 1.000 metri sul livello del mare.

A cosa serve la borragine?

Infatti, questa pianta viene utilizzata per trattare mal di gola, tosse e affezioni bronchiali, oltre che per trattare i disturbi di reni e vescica, i reumatismi, gli eczemi, la neuropatia diabetica, la dermatite seborroica infantile e l’ipertensione.

In che periodo si raccoglie la borragine?

Possiamo raccogliere le foglie di borragine tra dicembre e febbraio, prima che avvenga la fioritura. La raccolta è bene che avvenga al momento dell’uso e che sia moderata, per non danneggiare troppo la pianta, che, in questo modo, potrà fiorire e fare i semi.

Dove piantare la borragine?

Ama i terreni leggermente umidi, nell’orto è meglio piantarla in aiuole ben assolate. Quando seminare. In Italia viene coltivata come pianta annuale, da seminare in primavera.

Quando tagliare la borragine?

Possiamo raccogliere le foglie di borragine tra dicembre e febbraio, prima che avvenga la fioritura. La raccolta è bene che avvenga al momento dell’uso e che sia moderata, per non danneggiare troppo la pianta, che, in questo modo, potrà fiorire e fare i semi.

Come coltivare borragine in vaso?

Se il clima è mite i semi germineranno con estrema rapidità. Anche in questo caso i semi di borragine vanno impiantati a una profondità di poco meno di un centimetro. Dopo la semina, mantenete il terriccio umido. Sul fondo del vaso aggiungete uno strato di argilla espansa per assicurare il corretto drenaggio.

Dove si trovano i semi della borragine?

I semi di borragine si possono trovare innanzitutto sulle piante spontanee (o coltivate) giunte a piena maturazione. In natura, la pianta cresce in tutte le regioni italiane, fino a 1.000 m s.l.m. È meno frequente nelle zone fredde e umide del Nord.

Come conservare i fiori di borragine?

I fiori di borragine essiccati si conservano per più di un anno in un contenitore, in un ambiente secco e lontano da fonti di luce.

Quanto cresce la borragine?

La borragine è una pianta erbacea, annuale con portamento eretto, fusto spesso, che arriva sino ad un’altezza di 50-70 cm e cavo nel suo interno, molto ramificato e ricoperto di peli rigidi lunghi da 1 a 3 mm, con radice fittonante.

Quando fiorisce borragine?

Esistono piante, rare, con fiori di colore roseo. La fioritura, piuttosto precoce, inizia ad aprile per terminare a ottobre. I semi della borragine sono abbastanza grossi e giungono rapidamente a maturazione tanto che dai primi possono nascere nuove piante in grado di salire a fiore prima dell’inverno.

In che mese si trova la borragine?

Nell’Italia meridionale si può seminare da marzo fino a luglio; in realtà, nelle zone a clima mite dove gela raramente, è possibile seminare anche in autunno per poi raccogliere la borragine nei primi mesi di primavera.

In che luna si semina la borragine?

Luna calante: innestare meli e peri; estirpare le piante infestanti; trapiantare la lattuga; mettere a dimora basilico, borragine, cerfoglio, maggiorana; seminare la melissa. Luna crescente: raccogliere le piante aromatiche da essiccare.

Come si può mangiare la borragine?

La borragine o borrago si usa in cucina per la preparazione di risotti, frittate e minestre e come base per il ripieno di pasta fresca e torte salate. Potete raccoglierla in natura, scegliere di coltivarla nell’orto come si fa per le erbe aromatiche (rosmarino, origano, timo, finocchio selvatico) oppure acquistarla.

Quali sono i semi di borragine?

La borragine è una pianta mellifera, particolarmente apprezzata dagli apicoltori. I semi, dalla cui spremitura a freddo si estrae l’olio di borragine, sono degli acheni molto piccoli. Il loro colore è bruno e sono contenuti nel calice dei fiori.